Dalla cantina al… NatAle: un tris di consigli dal Belgio

Banner_boccALE copia(franz) Versione speciale della rubrica curata da Alessandro “Ale Div” Cappelletti: con l’arrivo delle festività natalizie il nostro oste (lo trovate al bancone del Binario Zero di Busto) suggerisce una tripletta di birre brassate appositamente per questo periodo (teoricamente) freddo. In questa circostanza le tre birre suggerite arrivano tutte dal Belgio, dove come ben sapete c’è l’imbarazzo della scelta su molti fronti. Ale non lo scrive, ma in un orecchio ci ha detto che la sua preferita è la numero tre. Ma è un segreto, non ditelo a nessuno! Continua a leggere

Il “Circolo Quarto Stato” e l’invasione del Belgio

QuartoStatoLogoUna prossima puntata della nostra rubrica saltuaria “Birra in Tour” sarà certamente ambientata in Belgio, una delle terre più adatte per chi vuole organizzare un viaggio che abbia come filo conduttore i luoghi della birra. E del resto abbiamo già ospitato alcuni reportage di lettori e amici realizzati da quelle parti.

Questa volta “anticipiamo” il racconto del viaggio, perché chi è interessato a viverlo giorno per giorno lo può fare attraverso internet e in particolare grazie alla pagina Facebook del “Circolo Quarto Stato”, locale di Cardano al Campo che ha raccolto l’eredità del vecchio circolo locale e da qualche anno è diventato un vero e proprio centro culturale e sociale nel comune nei pressi di Malpensa. Continua a leggere

Dalla cantina al boccAle: Duchesse de Bourgogne

Banner_boccALE copia(franz) Bentornato Ale! Il nostro oste si è preso una meritata vacanza ma, dopo essere tornato dietro al bancone del “Binario Zero” di Busto ha ripreso anche apribottiglie, bicchiere da degustazione, foglio e penna per allungare la lista delle birre degustate e recensite per Malto Gradimento. Noblesse oblige, questa volta tocca alla Duchessa.

La Duchesse De Bourgogne, prodotta dal birrificio fiammingo Verhaeghe, è una birra decisamente spiazzante. La prima volta che questa gentil nobildonna si presenta al nostro cospetto, infatti, ci lascia straniti e confusi. Continua a leggere

50/50, un birrificio varesino ospite al Brassigaume

BrassigaumeÈ tempo di Brassigaume a Marbeham, villaggio della Vallonia ai confini con Francia e Lussemburgo che ogni anno ospita questo festival birrario di qualità organizzato grazie a una “casa” importante, la Brasserie de la Rulles che ha sede proprio da queste parti.

Il Brassigaume – giunto alla 15a edizione – dunque è un appuntamento atteso e celebrato da quelle parti, tanto che tra i birrifici iscritti (in tutto 26, resi noti giorno dopo giorno) ci sono nomi di valore incontestabile.  Continua a leggere

Dalla cantina al boccAle: la Troubador Obscura

Banner_boccALE copiaPoche ma buone: la Brouwerij “The Musketeers” di Ursel, in Belgio, produce una gamma di birre che sfida il livello di eccellenza a ogni occasione. La Obscura, come si può intuire dal nome, è la prima birra scura del catalogo dei “Moschettieri”: prodotta in origine negli stabilimenti di De Proef, si presenta con una bella schiuma color cappuccino, riflessi rubini tendenti al marrone, profumi di cacao, caffè, liquirizia, vaniglia, mela verde e miele di carruba.

Continua a leggere

Dalla cantina al boccAle: Gouden Carolous Triple

Banner_boccALE copia(franz) Chi segue la nostra pagina Facebook sa che Malto Gradimento ha in cantiere un reportage importante e piuttosto corposo, frutto di un viaggio-lampo in Hallertau nei giorni scorsi. Vi chiediamo però un pizzico di pazienza, per completare testi, foto e video. Nel frattempo torniamo quindi in Belgio, per parlarvi di un antico birrificio e di un suo prodotto ben noto, grazie alla “relazione” del nostro Ale Div.
Continua a leggere

Dalla cantina al boccAle: De Ranke XX Bitter

Banner_boccALE copia(franz) L’abbiamo invocata in settimana, parlando di “Brussels Calling” e paragonandola a essa. Oggi tocca ad Alessandro recensire questa belga così speciale, la “XX Bitter” di De Ranke, che negli ultimi anni ha tracciato una strada seguita da molti amanti del luppolo.

I giudici che presiedono ai concorsi, chiedono espressamente ai mastri birrai il giusto equilibrio fra sapori al palato (dolce, amaro, salato, acido) e profumi al naso (fiori, frutta, spezie). Continua a leggere

Oggimitrattobene: la Brussels Calling di “de la Senne”

BrusselsCallingDopo aver testato con gioia almeno due birre della famiglia (vado a memoria: di certo la Zinnebeer e la Stouterik) non ho avuto esitazioni ad acquistare – a prezzo concorrenziale e vicino a Varese – una bottiglietta di Brussels Calling, fors’anche ispirato da un nome che a noi patiti dei Clash ricorda da vicino quello di un album imperdibile firmato da Strummer&Co.
Una birra, quella prodotta nella capitale belga da un’azienda giovane come la “Brasserie de la Senne”, che però mi ha fatto storcere il naso. Intendiamoci, la “Brussels Calling” è tutt’altro che una birra fatta male e probabilmente ai patiti dell’amaro risulterà anche ottima. Non per me, visto che personalmente non amo in modo particolare certe sferzate dei luppoli, taglienti e persistenti. Continua a leggere

Dalla cantina al boccALE: la tripletta di Natale

Banner_boccALE copia(franz) Se non avete ancora deciso cosa bere a Natale e Capodanno, se volete un’alternativa al vino, o semplicemente avete voglia di una bicchierata celebrativa con qualcosa di speciale… e non avete ancora provveduto, vi regaliamo i consigli del nostro Ale. Tre birre corpose, belghe, abbastanza alcooliche, adatte a riscaldarvi in queste festività (finora non freddissime, ma pazienza!) e brassate per l’occasione in tre diversi birrifici, seguendo le tradizioni e le lavorazioni locali. E se non fate in tempo a procurarle per Natale, non vi preoccupate: calzano a pennello per tutta la stagione. Continua a leggere

Milano “battezza” la guida delle Fiandre, tra biciclette e birre speciali

Fiandre01Nella nostra rubrica “Birra in Tour”, appuntamento casuale (nel senso che non ha uscite fisse) e affidato soprattutto a lettori e amici che amano raccontare le proprie esperienze di beer hunting in giro per il mondo, vi avevamo proposto questo bel pezzo di Lorenzo Franzetti in cui si parlava dello stretto legame tra le Fiandre – una delle due macroregioni che compongono il Belgio – a due mondi che lassù sono autentiche religioni: il ciclismo e la birra. Continua a leggere