Le mie ragioni per cui voterò no al referendum costituzionale

Ognuno ha le sue ragioni per votare si o per votare no. Il sottoscritto in quanto animatore di un blog pubblico crede sia giusto rendere pubbliche le ragioni della sua scelta.

Voto no con decisione e convinzione per queste ragioni:costituzione

  1. Una riforma della costituzione non la deve fare un governo bensì il parlamento con tutte le sue anime poiché rappresenta la carta con le regole fondamentali di un paese. Se il parlamento non è in grado di farla significa che il paese non è pronto per una riforma della costituzione.
  2. Questo governo e soprattutto il primo ministro non è mai passato per le urne. E’ frutto di passaggi parlamentari successivi in cui una maggioranza di centro-destra che sosteneva Berlusconi si è ricomposta prima per sostenere Mario Monti, poi Enrico Letta e infine Matteo Renzi. Come può un primo ministro dare vita al cambio delle regole fondamentali senza avere una vera legittimazione popolare? Considero questo governo non sufficientemente autorevole e legittimato per cambiare le regole della costituzione.
  3. Per quanto piena di difetti, la democrazia prevede il voto come forma di partecipazione alla vita democratica e l’idea che non si possa esercitare il diritto di voto per i rappresentanti del senato non mi piace.
  4. Che il senato sia composto da sindaci e consiglieri regionali che devono di tanto in tanto andare a Roma a prendere decisioni su alcune materie importanti mi dà l’idea di un’attività dopolavoristica un po’ approssimativa.
  5. Alcune competenze, ora nelle mani delle regioni, tornerebbero al potere centrale. Se il governo vuole costruire una discarica o fare trivellazioni nel mio comune, oggi è la Regione che deve autorizzare mentre con il sì sarebbe il potere centrale del ministero, che poco interesse ha nelle istanze locali e spesso subisce influenze dai poteri forti di gruppi industriali, finanza internazionale e potentati economici che hanno la forza di condizionare le politiche del governo.
  6. Per abolire il CNEL non serviva una riforma costituzionale ma bastava una legge ordinaria.
  7. In Italia non è il bicameralismo paritario che ha impedito di modernizzare il paese ma una visione miope della politica. Se un governo ha un progetto, una bussole e magari dei valori che lo guidano, l’approvazione della legge può essere fatta in tempi ragionevoli.parlamento
  8. La legge elettorale associata alla riforma elettorale fa sì che una minoranza nel paese (qualsiasi gruppo esso sia) potrebbe governare con una maggioranza di deputati del 18-20% l’unica camera che dà la fiducia al governo con una minoranza numericamente molto risicata di consenso nel paese. Questo è pericoloso per la democrazia.
  9. La grande crisi economica, diventata crisi sociale che il mondo e l’Italia stanno vivendo richiedeva sforzi nel senso di creare lavoro e non spaccare in due il paese per un si o per un no che poco muta la vita dei cittadini.

Un pensiero su “Le mie ragioni per cui voterò no al referendum costituzionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *