San Martino al Tagliamento, affreschi

Affreschi sulla volta della Chiesa Parrocchiale di San Martino Vescovo: PROGETTO TERMINATO 1988-2011.

San Martino al Tagliamento è una bella cittadina friulana, nella Provincia di Pordenone, dove vissero i miei genitori e nonni (io invece sono nato nel comune limitrofe di San Giorgio della Richinvelda).

Questo che presento oggi, come atto conclusivo, è stato il Progetto della mia vita: non il più grande o il più importante, ma sicuramente il più appassionato e tribolato e dilatato nel tempo…e che non è stato concretamente possibile portare a compimento con la realizzazione degli affreschi  sulla volta della Chiesa parrocchiale.

A 23 anni esatti dall’inizio di questa avventura, con i bozzetti esecutivi della policromia, posso finalmente considerare conclusi gli studi per la realizzazione del trittico murale sui tre temi proposti dai committenti: LA NATIVITA’, LA CROCIFISSIONE e LA RESURREZIONE.

————————————————————————————————————

2011, fotocomposizione virtuale dei BOZZETTI ESECUTIVI sulla volta della Chiesa Parrocchiale di San Martino al Tagliamento

———————————————————————————————————————-

Nessuno mi ha chiesto di portare a termine questo Progetto….ho fatto questo lavoro semplicemente perché….. “non si interrompe una emozione” …e anche perché noi friulani siamo cocciuti e il problema vogliamo semplicemente vederlo chiaro e risolto SEMPRE…in questo caso almeno a livello progettuale.

Nel Natale 1988, dopo quasi un anno di ricerche e studi per questo Progetto, avevo allestito una mostra dei bozzetti monocromi all’interno della Chiesa di San Martino, ma poi gli affreschi non furono mai realizzati e tutto finì inspiegabilmente in una “bolla di sapone” .

Personalmente non ho mai smesso di pensare a questi affreschi perchè consideravo e considero tuttora la mia proposta ben integrata allo spazio architettonico e in armonia con le opere d’arte esistenti (principalmente con la Pala d’altare di Pomponio Amalteo).

In questi 23 anni, in varie occasioni ho ripreso in mano i Bozzetti monocromi del 1988, e soprattutto il pannello della CROCIFISSIONE l’ho rielaborato in varie opportunità, con una Litografia realizzata a Cuba, una Pittura murale realizzata in Nicaragua, una Pala d’Altare realizzata in Italia e un paio di dipinti a olio su tela .……e finalmente tra il 2009 e il 2011 ho dipinto, qui in Nicaragua dove risiedo attualmente, i tre bozzetti esecutivi policromi che presento oggi in questo BLOG.

Pensando alla realizzazione del trittico murale con la tecnica dell’affresco e alla integrazione rispettosa con le opere d’Arte esistenti (Pomponio Amalteo, Pordenone ecc.), ho ridotto al minimo la tavolozza, utilizzando praticamente solo 4 colori: OCRA GIALLA, TERRA ROSSA, TERRA VERDE e BLU OLTREMARE, più Bianco e Nero. Solamente nel grande pannello centrale della Crocifissione, ho aggiunto alcune tonalità leggermente più brillanti per motivi espressivi.

Entrando in Chiesa il primo pannello del trittico a vedersi da sotto in su è la NATIVITA’, con poche deformazioni ottiche e immaginato come uno spazio che si apre sulla volta verso l’esterno (al rovescio, accingendosi ad uscire dalla chiesa si scopre una veduta della piazza antistante la stessa Chiesa di San Martino Vescovo ).

2009- LA NATIVITA', bozzetto esecutivo, olio su tela, cm60x80

2009- LA NATIVITA', bozzetto esecutivo, olio su tela, cm60x80

————————————————————————————————-

Anche la CROCIFISSIONE, come gli altri pannelli del trittico, è uno spazio circolare che si espande al di sopra della cupola, con una forte deformazione ottica sul Cristo, dovuto alle proiezioni dei coni ottici dai punti di vista maggiormente frequentati dai fedeli. Il pannello della “CROCIFISSIONE” è stato sicuramente il più tribolato in questi 23 anni. Questa è solo la ultima versione, ma esistono almeno altri 10 studi, tra cui una litografia realizzata a Cuba nel Taller Experimental de Grafica Popular e una Pittura Murale realizzata a Managua nel Centro Oscar Arnulfo Romero…… è forse il lavoro più drammatico e interessante della mia vita professionale come Pittore.

2010- LA CROCIFISSIONE, bozzetto esecutivo, olio su tela,cm.135x80

2010- LA CROCIFISSIONE, bozzetto esecutivo, olio su tela,cm.135x80

———————————————————————————————————————-

Nel pannello della RESURREZIONE viene in particolare rappresentato il “NOLI ME TANGERE” la cui espressione, pronunciata da Gesù Risorto a Maria Maddalena di fronte al Sepolcro, nell’originale greco del Vangelo significa «Non mi trattenere», ma in latino è poi diventata stranamente «Non mi toccare». Iconograficamente, per la realizzazione di questo pannello del trittico murale, possiamo indicare una ispirazione palese alla Resurrezione di Piero della Francesca e al “Noli me tangere” di Giotto agli Scrovegni. Mentre il riferimento descrittivo proviene dal Vangelo secondo Giovanni (20, 11-16).

2009- LA RESURREZIONE, bozzetto esecutivo, olio su tela, cm60x80

2009- LA RESURREZIONE, bozzetto esecutivo, olio su tela, cm60x80

———————————————————————————————————————

Conclusione: questa proposta definitiva dei bozzetti policromi esecutivi la lascio nell’aria, come mio personale testamento spirituale al Friuli, e testimonio di questa nostra epoca oscura e ostile, sia per la Pittura che per il messaggio di Cristo.

2011, fotocomposizione virtuale dei BOZZETTI ESECUTIVI sulla volta della Chiesa Parrocchiale di San Martino al Tagliamento

————————————————————————————————————————–

————————————————————————————————————————–

4 thoughts on “San Martino al Tagliamento, affreschi

  1. Quanto lavoro ? manuale, mentale io non sono un’esperta ma la pittura e l’arte in generale mi affascina. Mi piace molto leggere i commenti per capire di più quello che sto vedendo, e naturalmente apprezzarlo con un po’ di conoscenza in più. Mandi

  2. Stavo facendo una ricerca sul mio paese , San Martino al Tagliamento, per altre cose… e mi sono imbattuta in questo articolo. Fin da piccola mi sono chiesta perché non ultimassero quei riquadri in alto e non sa quante volte ho lavorato di fantasia immaginando quanto più bella poteva diventare la chiesa … Vedere i suoi capolavori mi ha riempito il cuore, e mi dispiace che non si sia raggiunto un accordo definitivo. Non sono una gran devota frequento la chiesa per cerimonie, ricorrenze e ricordi di cari defunti.. ma da oggi saprò bene cosa immaginare. Sono felice che i suoi lavori abbiano trovato altra collocazione, ancora tanti complimenti!

  3. Marilena, sei la prima sanmartinese e friulana che commenta questo Progetto! Ti ringrazio e ti mando un caro saluto dal Nicaragua, dove risiedo attualmente. Un abbraccio e mandi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *