Credo nel Dio…

L’amico Stefano Ferrario in facebook ci segnala questa bella pagina che non conoscevo, è di Frei Betto, frate domenicano brasiliano, teologo e scrittore.

E’ una dichiarazione di fede davvero commovente e suppongo condivisibile da tutti: credenti, non credenti, atei, agnostici, scettici e indifferenti……:

il mondo così sarebbe davvero bello…e sono anche convinto che Lui ne sarebbe sommamente felice.

———————————————————————————

Tra il 2003 e 2010 Frei Betto è stato assessore speciale del Presidente della Repubblica del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva (“Lula”), come Coordinatore del Programma “Fame Zero”.

————————————————————————————

NUOVO CREDO  (Nuevo Credo)

Frei Betto

Credo nel Dio liberato dal Vaticano e da tutte le religioni che esistono e che esisteranno. Il Dio che precede tutti i battesimi, pre-esistente ai sacramenti e che trabocca gli argini di tutte le dottrine religiose. Libero dai teologi, si propaga gratuitamente nel cuore di tutti, credenti e atei, buoni e cattivi, di quelli che si credono salvati e di quelli che si credono figli della perdizione, e anche di quelli che sono indifferenti agli abissi misteriosi del più in là della morte.

Creo en el Dios liberado del Vaticano y de todas las religiones existentes y por existir. El Dios que antecede a todos los bautismos, preexiste antes que los sacramentos y desborda todas las doctrinas religiosas. Libre de los teólogos, se derrama gratuitamente en el corazón de todos, creyentes y ateos, buenos y malos, de los que se creen salvados y de los que se creen hijos de la perdición, y también de los que son indiferentes a los abismos misteriosos del más allá de la muerte.

Credo nel Dio che non ha religione, creatore dell’Universo, donatore della vita e della fede, presente in pienezza nella natura e negli esseri umani. Dio orefice di ogni piccolo anello delle particelle elementari, dalla raffinata architettura del cervello umano fino al sofisticato tessuto del trio dei quark.

Creo en el Dios que no tiene religión, creador del Universo, donador de la vida y de la fe, presente en plenitud en la naturaleza y en los seres humanos. Dios orfebre de cada ínfimo eslabón de las partículas elementales, desde la refinada arquitectura del cerebro humano hasta el sofisticado entrelazado del trío de cuarqs.

Credo nel Dio che si fa sacramento in tutto quello che avvicina, allaccia e unisce: l’amore. Tutto l’amore è Dio e Dio è il reale. E trattandosi di Dio, non si tratta dell’assetato che cerca l’acqua ma dell’acqua che cerca l’assetato.Basta manifestare la sete e l’acqua scaturisce.

Creo en el Dios que se hace sacramento en todo lo que acerca, atrae, enlaza y une: el amor. Todo amor es Dios y Dios es lo real. En tratándose de Dios, dice bellamente Rumi, no se trata del sediento que busca el agua sino del agua que busca al sediento. Basta con manifestar la sed y el agua mana.

Credo nel Dio che si fa rifrazione nella storia umana e riscatta tutte le vittime di tutti i poteri capaci di far soffrire l’altro. Credo nella teofania permanente (n.d.r. manifestazione della divinità in forma sensibile) e nello specchio dell’anima che mi fa vedere l’Altro che non sono io. Credo nel Dio che, come il calore del sole, sento nella pelle, anche se non riesco a contemplare o afferrare l’astro che mi riscalda.

Creo en el Dios que se hace refracción en la historia humana y rescata todas las víctimas de todo poder capaz de hacer sufrir al otro. Creo en teofanías permanentes y en el espejo del alma que me hace ver a Otro que no soy yo. Creo en el Dios que, como el calor del sol, siento en la piel, aunque sin conseguir contemplar o agarrar el astro que me calienta.

Credo nel Dio della fede di Gesù, Dio che si fa bambino nel ventre vuoto della mendicante e si accosta nell’amaca per riposarsi dagli eccessi del mondo. Il Dio dell’arca di Noé, dei cavalli di fuoco di Elia, della balena di Giona. Il Dio che sorpassa la nostra fede, dissente dei nostri giudizi e ride delle nostre pretese; che si infastidisce dei nostri sermoni moralisti e si diverte quando il nostro impeto ci fa proferire blasfemie.

Creo en el Dios de la fe de Jesús, Dios que se hace niño en el vientre vacío de la mendiga y se acuesta en la hamaca para descansar de los desmanes del mundo. El Dios del arca de Noé, de los caballos de fuego de Elías, de la ballena de Jonás. El Dios que sobrepasa nuestra fe, disiente de nuestros juicios y se ríe de nuestras pretensiones; que se enfada con nuestros sermones moralistas y se divierte cuando nuestro arrebato profiere blasfemias.

Credo nel Dio che, nella mia infanzia, piantò una acacia in ogni stella e, nella mia giovinezza, si è affacciato quando mi ha visto baciare la mia prima innamorata. Dio di feste e di abbuffate, lui che creò la luna per agghindare le notti delle delizie e l’aurora per incorniciare la sinfonia del volo degli uccelli all’albeggiare.

Creo en el Dios que, en mi infancia, plantó una acacia en cada estrella y, en mi juventud, se asomó cuando me vio besar a mi primera enamorada. Dios fiestero y juerguista, el que creó la luna para engalanar las noches de deleite y las auroras para enmarcar la sinfonía pajarera de los amaneceres.

Credo nel Dio dei maniaci-depressi, delle ossessioni psicotiche, della schizofrenia allucinata. Il Dio dell’arte che spoglia il reale e fa risplendere la bellezza pregna di densità spirituale. Dio ballerino che, sulla punta dei piedi, entra in silenzio nel palcoscenico del cuore e, cominciata la musica, ci cattura fino alla sazietà.

Creo en el Dios de los maníaco-depresivos, de las obsesiones sicóticas, de la esquizofrenia alucinada. El Dios del arte que desnuda lo real y hace resplandecer la belleza preñada de densidad espiritual. Dios bailarín que, sobre la punta de los pies, entra en silencio en el palco del corazón y, comenzada la música, nos arrebata hasta la saciedad.

Credo nel Dio dello stupore di Maria, del camminare laborioso delle formiche e dello sbadiglio siderale dei buchi neri. Il Dio spogliato, montato su di un asino, senza una pietra dove appoggiare il capo, terrorizzato dalla proria debolezza.

Creo en el Dios del estupor de María, del camino laboral de las hormigas y del bostezo sideral de los agujeros negros. Dios despojado, montado en un borrico, sin piedra donde reclinar la cabeza, aterrorizado de su propia debilidad.

Credo nel Dio che si nasconde nel rovescio della ragione atea, che osserva l’impegno degli scienziati per decifrare il suo gioco, che si incanta di fronte alla liturgia amorosa di corpi che secernono succhi che inebriano gli spiriti.

Creo en el Dios que se esconde en el reverso de la razón atea, que observa el empeño de los científicos por descifrarle su juego, que se encanta con la liturgia amorosa de cuerpos excretando jugos para embriagar espíritus.

Credo nel Dio intangibile all’odio più crudele, alle diatribe esplosive, al cuore puzzolente di quelli che si alimentano con la morte altrui. Dio, misericordioso, si china fino alla nostra piccolezza, supplica un soave messaggio e chiede coccole, esausto davanti alla profusione delle idiozie umane.

Creo en el Dios intangible al odio más cruel, a las diatribas explosivas, al corazón hediondo de aquellos que se alimentan con la muerte ajena. Dios, misericordioso, se agacha hasta nuestra pequeñez, suplica un suave masaje y pide arrullos, exhausto ante la profusión de idioteces humanas.

Credo, soprattutto, che Dio crede in me, in ciascuno di noi, in tutti gli esseri generati dal mistero abissale di tre persone unite dall’ amore e la cui sufficienza traboccò in questa Creazione sostenuta, in tutto il suo splendore, dal filo fragile del nostro atto di fede.

Creo, sobre todo, que Dios cree en mí, en cada uno de nosotros, en todos los seres engendrados por el misterio abismal de tres personas unidas por el amor y cuya suficiencia desbordó en esta Creación sustentada, en todo su esplendor, por el hilo frágil de nuestro acto de fe.
————————————————————————————————————
(nostra traduzione dallo spagnolo…..abbiamo rivisto e corretto varie traduzioni dallo spagnolo che abbiamo trovato in Internet perchè, per esempio,
“bostezo sideral de los agujeros negros” non è “sbadiglio siderale dei fiorellini neri” ma “sbadiglio siderale dei buchi neri” (regioni di spazio da cui nulla, nemmeno la luce, può sfuggire)

Originale in lingua spagnola:
http://isamis2010.blogspot.com/2011_06_01_archive.html

—————————————————————————————–

1 Maggio 2003 - Il Presidente Luiz Inácio Lula da Silva durante la messa della Festa dei Lavoratori, al suo lato Frei Betto e il Cardinale di São Paulo, Dom Cláudio Hummes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *