Una ventata di luppoli: ecco la “Hangman” di 50&50

“50&50” è un birrificio che per sua natura preferisce andare fuori dagli schemi. E così, in un periodo dell’anno in cui molte aziende anche nella nostra provincia stanno distribuendo la propria “natalizia”, in Valle Olona si sono dati da fare per rilasciare una birra non legata alle festività invernali.

È nata così la “Hangman”, termine che fa di nuovo riferimento a un film di Quentin Tarantino (The Hateful Eight) come era accaduto per la Django e nome che va a indicare una Double IPA che verrà prodotta con continuità dall’azienda varesina. Ma con una particolarità: le tipologie dei luppoli e il rapporto tra essi varieranno di cotta in cotta così da dare una birra sempre differente. Continua a leggere

Sala piena e applausi convinti per la nuova “Nerolatte”

Una sala piena, attenta e competente ha dato il benvenuto alla NeroLatte, la birra che è anche un po’ nostra visto che è nata in seguito alla sua vittoria nel Concorso Malto Gradimento 2018. Serata speciale quella vissuta martedì 11 dicembre all’Unibirra di Calcinate del Pesce, dove i soci (Samantha, Silvana e Stefano) e l’intero staff hanno voluto fare le cose in grande – con tanto di bancone dedicato – per lanciare la novità nata dalla ricetta dei “Birrai di Mezzo” e poi brassata e commercializzata da “The Wall”.  Continua a leggere

L’Orso Verde sbarca a Varese con un pub in pieno centro

Cambierà presto, in meglio, il panorama distributivo della birra artigianale a Varese, inteso come città. Nel cuore del centro cittadino infatti, sta per arrivare L’Orso Verde, il longevo birrificio bustocco che a settembre ha aperto il suo primo pub a Milano (in zona Navigli: ne parlammo QUI) e che ora ha intenzione di replicare nella Città Giardino.

La voce ha iniziato a circolare nei giorni del Varese Beer Festival – dove l’Orso Verde era presente con il suo stand – ma ora la notizia è praticamente certa: il nuovo locale sarà situato in via San Martino, strada che collega il pieno centro pedonale (piazza Carducci) con la zona del Tribunale, a pochi passi quindi da quella zona della “movida” cittadina che ormai si sta ampliando a tutta l’area a traffico limitato che circonda corso Matteotti e la Basilica di San Vittore. Non a caso, a poche decine di metri da lì, si trova un punto di riferimento ormai consolidato per la birra artigianale, la Hops Beer House di Andrea Stronati e Patrizia Bragagnolo che ha appena compiuto tre anni. Continua a leggere

Varese, riapre Toby Jug; Busto, torna Beer at Bear

Weekend interessante per gli amanti del mondo della birra del Varesotto, non tanto – e non solo – per la seconda edizione di Chiarescure Festival a Milano (ci sono anche The Wall e Vetra), quanto per due appuntamenti previsti nelle città principali della provincia: Varese e Busto Arsizio.

QUI VARESE: TOBY JUG

Rinasce uno dei pub storici della Città Giardino, il Toby Jug di viale Borri 349 a Bizzozero. Il locale, chiuso da tempo, ha mantenuto il nome di un tempo ma è stato rilevato da Andrea Belloni e Sonia Sereno.  Continua a leggere

I “sapori d’autunno” (nel piatto e nel bicchiere) per il nuovo Varese Beer Festival

Vi avevamo annunciato che il Varese Beer Festival – nel maggio scorso la prima edizione – avrebbe presto avuto un seguito con un nuovo appuntamento nel mese di ottobre. Una rassegna che sta via via prendendo forma e che si avvarrà anche questa volta della collaborazione di Malto Gradimento, anche se l’organizzazione resta in capo alla cooperativa brianzola “Mondovisione”.

Organizzazione che, nel frattempo, ha rivelato sia la data (da venerdì 19 a domenica 21 ottobre) sia quale sarà il tema di questa seconda edizione bosina: nei bicchieri, ma anche nei piatti, ci saranno le birre e i sapori d’autunno.

Continua a leggere

L’autunno porterà con sé un nuovo Varese Beer Festival

L’edizione numero uno del Varese Beer Festival – quella che si è tenuta nello scorso maggio – ha ottenuto un riscontro notevole, grazie ai suoi dodici birrifici che hanno proposto il meglio della propria produzione e – naturalmente – grazie alle migliaia di persone che hanno raggiunto l’area feste della Schiranna per partecipare a una manifestazione che non aveva avuto precedenti di questo rilievo nella Città Giardino (parliamo naturalmente di rassegne dedicate alle birre artigianali).

Il successo di quella che doveva essere il “numero zero” del VBF ha quindi spinto gli organizzatori – in primis la cooperativa brianzola Mondovisione – a considerare l’idea di una seconda edizione all’interno dello stesso 2018Continua a leggere

Varese Beer Festival, un bell’esordio e un sogno realizzato

A poco più di ventiquattr’ore dalla chiusura dei battenti dell’area feste di via Vigevano, possiamo dare ai nostri lettori un primo giudizio – di parte e interessato, mica lo neghiamo – dell’edizione di esordio del Varese Beer Festival, evento al quale Malto Gradimento ha partecipato nelle vesti di “fiancheggiatore” degli organizzatori, e cioè della cooperativa Mondovisione.

E il giudizio, per quanto ci riguarda, è decisamente positivo: il VBF ha portato alle porte della Città Giardino migliaia di persone – oltre 3.000 quelli che hanno acquistato uno “starter pack” e quindi hanno bevuto, circa 4.000 i presenti totali (i numeri sono ufficiosi in attesa di dati ufficiali, ma non dovremmo discostarci troppo) – che sono venute a contatto con 12 produttori selezionati (e almeno 70 birre) per garantire un alto livello qualitativo. La nostra scelta era proprio quella di puntare forte sulla possibilità di fare cultura brassicola, permettendo però a un alto numero di persone (e non solo a chi è già appassionato) di vivere qualche momento a contatto con i produttori, gli specialisti, gli operatori del settore. Crediamo – è la nostra esperienza personale – che gran parte del pubblico del Varese Beer Festival sia tornata a casa con qualche nozione in più, con qualche curiosità soddisfatta, con una certa voglia di tornare a bere artigianale, e artigianale locale in particolare (i birrifici erano tutti lombardi e piemontesi).

Continua a leggere

I protagonisti del VBF – 5) 50&50

Stavolta giocano in casa, in tutto e per tutto: l’unico birrificio che ha sede nel territorio di Varese non poteva mancare alla prima edizione del festival cittadino – il VBF – dedicato alla birra artigianale.

Così, nel fine settimana tra il 18 e il 20 maggio prossimi, gli appassionati potranno degustare anche le specialità prodotte in Valle Olona da “50&50”, l’azienda condotta da Alberto Cataldo ed Elia Pina che opera da circa quattro anni e che sta vivendo mesi molto dinamici e altrettanto importanti.  Continua a leggere

“Cata sü” e “Porta a cà” disseteranno lo street food targato Varese

Il weekend del 6-8 aprile prossimi sarà quello in cui andrà in scena (a Varese, in piazza Repubblica) il primo appuntamento del 2018 marchiato “Urban Lake Street Food Festival”, un format nato e cresciuto proprio nella Città Giardino che tra primavera ed estate farà tappa in ben 14 località, sia nella zona (Gallarate, Busto, Ispra, Arona, Verbania…), sia nel resto d’Italia (Cesenatico, Modena, Fidenza per fare qualche esempio).

“Urban Lake” fa capo all’organizzazione della “baVarese Prost Fest” e vanta una serie di collaborazioni con soggetti ben radicati in città, come per esempio il Twiggy, che si occupa della parte musicale dei weekend dedicati allo street food. Ma se parliamo di ciò su Malto Gradimento, è perché anche la birra – e la birra prettamente varesina – farà la sua parte. Da quest’anno tutti gli appuntamenti del circuito gastronomico saranno infatti accompagnati da due novità che stanno per essere confezionate da “50&50”, il giovane birrificio condotto da Alberto Cataldo ed Elia Pina che ha sede nel quartiere di Valle Olona.  Continua a leggere

“50&50”: la novità “Alpaca” manda in pensione la ConfessionAle

Quando Elia Pina e Alberto Cataldo, le due anime del birrificio “50&50”, diedero vita alla loro creatura, scelsero la via della provocazione per i loro primi prodotti. Cominciarono – era la primavera del 2014 – con la “Italiano medio” (dove medio è il dito della mano…) e proseguirono con la “ConfessionAle”.

Quest’ultima però è ora andata in pensione, anche se trattandosi di una “bandiera” del birrificio della Valle Olona, una di quelle in produzione per tutto l’anno, sarà prontamente rimpiazzata da una novità appena confezionata. Continua a leggere