Greta Thunberg: l’utopia necessaria

Di movimenti collettivi non se ne vedono più da anni, forse risucchiati nell’agio del consumo, nella distrazione della tecnologia e nel fascino dell’opulenza. Ma i movimenti collettivi sono motori del cambiamento, soprattutto dove la politica non arriva più, per debolezza, sottomissione all’economia e codardia rispetto ai poteri di multinazionali e potenti gruppi bancari.
Un movimento collettivo ha bisogno non solo di un’idea forte e di un leader, ha bisogno anche della rabbia di chi vi partecipa.
Greta Thunberg ha portato luce su di un dramma epocale diventato più che urgente, nonostante già da tempo tutti fossero consapevoli del ritardo con il quale i potenti del mondo indugiano nel prendere misure. E qui viene il bello, la diagnosi è spietata e radicale: non ci sono misure da prendere. Bisogna cambiare il modello di sviluppo e di crescita! Bisogna ripensare tutte le coordinate della nostra vita a cui ci siamo confortevolmente affezionati e questa è la cosa più difficile da fare. I soggetti che sono protagonisti dell’economia e della finanza mondiale non sono interessati a cambiare il sistema che li rende ricchi e potenti, anche se stanno segando il ramo su cui sono seduti.Non lo vogliono vedere, offuscati da potere, denaro e privilegi. La domanda è: ce la farà il movimento che sta nascendo a sovvertire l’ordine economico costituito per avviare una nuova fase di cambiamento profondo e radicale? La mia risposta è: credo di no. Usiamo una metafora tutta italiana: il movimento 5 stelle arriva sulla scena con intenti ecologisti ed ambientalisti ambiziosi e radicali. Poi, non trovando altri alleati sul proprio cammino, si rivolge all’unico soggetto disponibile: la Lega di Salvini, un partito che colerebbe cemento in ogni angolo d’Italia, che vorrebbe TAP, TAV, ponti sullo stretto, infrastrutture che diano lavoro a tutti, imprenditori e muratori, per portare a casa un po’ di PIL (leggi blog precedente su Pil buono e Pil cattivo). E cosa succede? Tutte le ambizioni sul tema clima, ambiente, inquinamento, cementificazione vanno a infrangersi contro un lungo processo di mediazione e compromesso che finisce per svilire e dissolvere la spinta originaria.Cambiare il modello di sviluppo chiede prima di tutto di decolonizzare l’immaginario liberista dei fondamentalisti del mercato, che ancora credono alle favole e che stravincono riempiendo gli scaffali dei centri commerciali di oggetti inutili. Questo è il punto nevralgico. Le grandi masse di consumatori non sono né pronte, né interessate a considerare un modello alternativo di società fondata sulle relazioni e non sul possesso degli oggetti.
La tecnologia offre già il futuro in termini di mobilità, produzione di energia, economia circolare, produzione di cibo locale, ricostruzione dei tessuti urbani, edilizia bio-sostenibile, riorganizzazione della viabilità cittadina etc. C’è già tutto a disposizione, quello che manca è solo la volontà politica che è ingessata poiché succube e subordinata agli interessi dei grandi potentati economici. Chi tocca i fili muore. Per cambiare le cose serve un lungo e lento lavoro di erosione delle certezze sul successo del capitalismo e una lenta ed inesorabile crescita di una visione che un modello alternativo è possibile se viene elaborato dal popolo. Ma il popolo ancora non lo sa che sarebbe saggio desiderarlo. Greta Thunberg va dritto e dice cose sagge ma dall’altra parte bisogna che la scintilla prometeica di un nuovo movimento collettivo guidato da giovani, rimetta al centro il tema della sostenibilità e del modello di economia che vogliamo. Greta c’è e il suo ruolo lo ha svolto, riuscirà lo spirito dello “
Statu nascenti” a risorgere dalle proprie ceneri?

Appello al PD: arrendetevi!

Arrendetevi al fallimento epocale, agli errori di lettura della realtà e alle ricette adottate. PD, progressivamente, da Veltroni a Bersani, passando da D’alema su su fino all’apoteosi di Renzi e ora i suoi figliastri Calenda e Martina. Siamo realisti: avete via via abbracciato il modello capitalistico finanziario, avete adottato la logica neo-liberista. Anzi, a vostro discolpa possiamo dire che avete capito che non c’era alternativa nel gestire la cosa pubblica: o si adottava lo schema neo-liberista oppure sarebbe stato impossibile governare. Questo è il vulnus più grave. Il potere e la vertigine di poterlo gestire, vi ha risucchiato in un vortice che ha centrifugato i valori della social-democrazia e vi ha lasciato come scheletri di una nuova destra che non assomiglia a nulla e a nessuno, perché parlate di sinistra avendo dimenticato cosa veramente voglia dire. Avreste dovuto denunciare fin dall’inizio che le logiche in Europa sono informate dal mercato, dalla finanza che decide il destino dei paesi, dalle banche d’affari, che se amiche aiutano, se nemiche distruggono (ricordate la Grecia e le recenti parole di Juncker?). Ma non lo avete mai fatto! Suvvia, la fascinazione del potere vi ha reso miopi e avete abdicato al cuore dei valori della sinistra. Adesso fate tenerezza, quando non suscitate una rabbia profonda nel popolo di sinistra (che ancora esiste, seppur smarrito). Fate tenerezza quando volete raccogliere le firme per un referendum contro una delle rare “cose” di sinistra come la legge per l’aiuto alla povertà estrema. Vergognatevi! E poi l’attacco alla costituzione di Renzi-Boschi, servi di qualche cattivo suggeritore della city londinese o potentato finanziario o agenzia di rating. Non ce l’avete fatta e avete sbagliato, ripetutamente, avete perseverato. Ma al posto di prenderne atto e dimettervi, gareggiate al vostro interno, come in un circolo per soli maschi che gioca al bridge per chi gestisce il funerale di una forza politica che un tempo aveva cuore e anima. Bisogna attendere la CGIL di Landini per sentire parole come lavoro, ambiente, pensionati, giovani, redistribuzione della ricchezza? Allora prendete cappello e ombrello e andate ad occupare gli spazi lasciati liberi dal tramonto dell’imprenditore di Arcore, felicemente neutralizzato politicamente da chi la costituzione ancora la sa leggere, interpretare ed applicare. Lì c’è spazio per i moderati che ancora credono che il mercato, lasciato libero di agire crea piena occupazione. Nulla di male nel credere alle favole, ma fatelo nel luogo deputato e lasciate libero uno spazio che avete usurpato, con ingenuità e ignoranza, piuttosto che con dolo e cattiveria, questo si ve lo concediamo!

Pil buono e Pil dannoso: per un sapere minimo.

Ascolto dibattiti, si profilano “partiti del Pil”, si riempiono piazze che si appellano alla crescita del Pil ma non si vedono politici nei talk show spiegare che cosa sia veramente, cosa significhi farlo crescere e se ci sono differenze in questo totem della moderna economia tra Pil buono e Pil dannoso. Esiste un dibattito ricchissimo sul fatto che il Pil possa ancora oggi essere considerato un buon indice per misurare il benessere di un paese. Fu introdotto nel lontano 1934 dall’economista Simon Kuznets quando il mondo era un po’ diverso. Ma poi, nel corso degli anni il dibattito si è pronunciato per il no! Non è un buon indicatore! E’ un pessimo indicatore, limitato, inadeguato e spesso inutile.

Il Prodotto interno lordo è un indicatore vecchio, incompleto e inadatto ai tempi moderni. Già nel 1968 Robert Kennedy fece all’Università del Kansas un bellissimo discorso che in sintesi recitava: “il Pil misura tutto tranne le cose per cui vale veramente la pena vivere”. Fu ucciso tre mesi dopo. Per intenderci: cresce con i disastri ambientali, l’inquinamento, il consumo di suolo, gli incidenti, l’uso di medicine, l’aumento di malati, serrature delle case contro i ladri, produzione di bombe, etc. Insomma, è costituito anche degli aspetti più terribili della nostra vita ed è per questo che sono nati molti altri diversi indicatori di sviluppo e di sviluppo sostenibile.
Tra questi, ne ricordo solo alcuni: ISU (indice di sviluppo umano), il BIL(benessere interno lordo), il BES (benessere equo e sostenibile), l’indicatore di Progresso Reale (Genuine Progress Indicator) a riprova che il Pil non è più in grado di misurare la crescita del benessere di un popolo e della sua economia. Questa fatto dovrebbe essere la base della grammatica di un politico che lavora per dare nome alle cose e proporre un progetto di cambiamento nella giusta direzione. Ma ascoltiamo analfabeti dell’economia inseguire concetti vecchi che portano, di conseguenza, provvedimenti vecchi per un mondo che è invece cambiato. Se inseguiamo la crescita del Pil senza badare ai suoi contenuti di qualità, rincorriamo un mondo che ha fatto danno all’ambiente, all’economia, alle persone, fondato su produzione senza scrupoli, rincorsa del profitto senza limiti, creazione di 

sperequazione e disuguaglianza all’infinito e non abbiamo le parole per educare ad un’altra visione di futuro che è già qui ma che se non lo si pronuncia, non diventa una grammatica familiare che ispiri comportamenti virtuosi e azione politica coraggiosa e necessaria.

Mala tempora currunt ……(sed peiora parantur )

In Francia spesso si arrabbiano e scendono in piazza, protestano sonoramente, noi no. Da forse più di quarant’anni non si vedono più movimenti di protesta. Il cambiamento non sembra più venire dai movimenti collettivi, dal famoso “statu nascenti” che ne forniva energia e spirito rivoluzionario. Oggi, nell’era del www, ci si sfoga nel web, nelle piazze virtuali, con i blog, postando su FB, su twitter, arrabbiandosi in silenzio, nel proprio intimo a casa propria sgranocchiando noccioline. La potenza del virtuale ha neutralizzato la forza dello stato nascente. Non sono le “madamin” in sciarpetta che scendono in piazza a Torino perché vogliono più Tav ad essere movimento e non lo sono i movimenti “no global” o “occupy wall street” che sono dispersi sul pianeta schiacciati da sistemi informativi che li ridicolizzano.

Da noi siamo di fronte alla disumanizzazione e all’umiliazione della nostra carta costituzionale, con lo sceriffo, ministro degli interni, che prima cavalca la paura e poi offre soluzioni a problemi che lui ha inventato. Un mago, che ti fa credere che qualcosa esista per poi farla scomparire. E lo fa abilmente sulla pelle della povera gente: zingari, migranti, poveracci di tutte le specie. E dov’è l’opposizione? Dove sono i sindacati, la Caritas, i giovani, gli intellettuali, i filosofi, gli insegnanti? Dov’è tutto quel mondo che non condivide questa barbarie? Ognuno a casa sua ad arrabbiarsi in silenzio o digitando il proprio  

disappunto in modo piccolo-borghese, esattamente come sta facendo il sottoscritto. I fenomeni sono complessi e richiedono complessità nel saperli abbordare. L’Europa ha fallito di fronte alla crisi economica e i popoli si sono arrabbiati. E in Italia purtroppo quel personaggino egoico di Renzi ha sottoscritto le logiche liberiste che hanno messo in ginocchio l’Europa: gli interessi del capitale, della finanza, lo spauracchio dei mercati e ha sostenuto chi truffava e non le loro vittime. Ha consegnato il paese arrabbiato e sofferente allo sceriffo Salvini che ha avuto buon gioco nel prenderlo sotto la propria ala avvelenata. Poco importa che Salvini sia un navigato politico della vecchia Repubblica, complice dello sparimento di 49 milioni di euro di nostre tasse, poco importa che il furbone di Arcore ora stia aizzando tutti i suoi uomini per una campagna contro gli ingenui 5 stelle, quello che

conta è che questo concatenamento di eventi non è sufficiente a far scendere in piazza tutti gli uomini e donne di buona volontà. Un silenzio assordante di fronte alla barbarie e una tristezza infinita nell’osservare la passività globale che fa gridare vittoria ai soliti noti.

La vergogna, sentimento dimenticato

Mi vergogno e chiedo scusa al signor Emmanuel cassiere del Carrefour per la signora razzista che ha smarrito se stessa e la sua anima. Mi vergogno per le decisioni di un ministro dell’interno, che per scalare il potere e conquistare il consenso smonta con prepotenza il modello di accoglienza del sindaco di Riace e poi alla chetichella rateizza i debiti del furto di denaro pubblico che il suo partito ha commesso ai danni degli italiani quando anche lui era dirigente. Mi vergogno per quei commercianti che protestano a Varese per la rimozione di alcuni parcheggi per avere un principio di pista ciclabile. Coraggio sindaco, avanti così! Mi vergogno di aver un giorno votato Renzi, che ha consegnato l’Italia alla Lega dopo essersi dimenticato cosa voglia dire essere di sinistra ed occuparsi di chi non ce la fa – soprattutto dopo dieci anni di crisi economica – e mi vergogno anche di vedere che la forza innovativa del movimento 5 stelle si sta appiattendo sulle istanze della peggiore destra razzista e xenofoba italiana. E’ il caso di dirlo: non c’è limite al peggio.

Non esiste un’emergenza migranti e scatenare gli istinti più bassi del razzismo becero ricadrà su chi lo sta facendo e attenzione dovrebbe fare il ministro dell’interno e la sua banda ad andare su questa strada perché poi la storia rimetterà le cose al loro posto e i prepotenti, razzisti, xenofobi si ritroveranno a fare i conti con il loro di disagio e con la loro di furbizia. Lucida strategia o ignoranza? Questo è il dilemma! Questa è la conseguenza all’incapacità della classe dirigente del PD di vedere i problemi ed essersi voltati da un’altra parte quando il popolo soffriva di una lunga crisi, ostentando virtù politiche da statista e compiacendosi del carisma da capo. Qui siamo e da qui dobbiamo transitare purtroppo. Ma la notte sembra ancora essere lunga e il disincanto cresce e porta con sé il pericolo di un nuovo scollamento tra cittadini e potere. Quando la politica non c’è, governano i poteri della BCE, del fondo monetario e della commissione europea. E quando la politica crede di saper governare e ribaltare il tavolo arrivano dilettanti che entrando nelle stanze del potere toccano cose che non conoscono. Non si può dire: “mangio pane e spread” perché poi qualcuno farà pagare questa affermazione (da ignorante inteso come colui che ignora, non sa, non conosce, forse non ha studiato abbastanza quindi un po’ asino) ai cittadini. I mercati non sono cattivi, è il sistema che è costruito male e si appoggia sulla finanza per ogni cosa avendo la politica abdicato dal suo primato.

Usciamo dalla crisi come da una curva in cui sbandiamo in modo scomposto. Ci sono forze che non vanno risvegliate, istinti che è bene tenere controllati, sentimenti che devono restare sopiti perché la storia insegna che è facile degenerare ed è difficile ritrovare il senno e la ragione. Siamo tutti chiamati a vergognarci, a scusarci, a parlare ed educare, il silenzio e l’indifferenza in questo momento possono essere letti come complicità. Coraggio!

Città di transizione: che difficile transizione in Italia!

Le “transition town” (città di transizione) sono una realtà nel mondo che conta circa 1500 città. Si tratta di popolazioni e amministratori che hanno fatto una scelta coraggiosa di cambiare dal basso lo stile di vita, la mobilità, la produzione del cibo, la costruzione delle casa, la socialità, per far fronte alle problematiche dei combustibili fossili e prepararsi all’epoca in cui il petrolio finirà andando oltre il problema delle emissioni, ma ripensando il concetto di una comunità di persone che vive insieme. 
Nasce in Inghilterra a Totnes da un’idea di Rob Hopkins, ambientalista esperto di permacultura. Così, dopo aver visto il documentario “Domani” del regista francese Cyril Dion, mi sono documentato e poi sono partito per l’Olanda a Nijmegen, capitale delle transition town per il 2018 e ho visto cose che mi hanno affascinato e che mi hanno fatto riflettere su come il cambiamento può avvenire dal basso, dalla semplice volontà politica di amministratori che incrociano la sensibilità dei cittadini.

Nella recente conferenza di presentazione del suo libro “L’utopia sostenibile” Enrico Giovannini rifletteva sulla necessità del cambiamento guidato dalle élite politiche e imprenditoriali, dall’opera di educazione nelle scuole e nel cambio di mentalità che deve avvenire. Tutte idee molto condivisibili ma la realtà del turbo-capitalismo è ancora molto forte e dominante e l’immaginario diffuso è completamente colonizzato dal pensiero dominante sul possesso degli oggetti, sulla competizione per il profitto e sull’economia lineare che sfrutta le risorse e produce quantità enormi di rifiuti, guidato dagli interessi dello strapotere della finanza su qualsiasi dinamica politico-economica. Il processo di decolonizzazione dell’immaginario capitalistico è molto più lento di quanto il disastro ambientale stia progredendo. Per questa ragione la soluzione dal basso delle città di transizione sembra rappresentare una grande opportunità che coinvolge cittadini e amministratori di buona volontà e rappresenta una soluzione che può crescere lentamente.
Di cosa si tratta in sostanza? Le idee sono semplici e di facile applicazione:

  • Ri-progettare quartieri e recuperare immobili con bio-edilizia che permetta case a basso impatto energetico e che siano autonome nel riscaldamento e raffreddamento e costruite con materiale bio come legno, fibre naturali, paglia, canapa, sughero, vetro riciclato, etc.
  • Produzione di cibo locale attraverso gli orti cittadini progettati seguendo la logica della permacultura (permanent agricolture).
  • Repair cafè dove esperti di tecnologia mettono alcune ore a disposizione per coloro che hanno bisogno di riparare oggetti elettronici o elettrodomestici.
  • Utilizzo degli spazi verdi per piantare aromi, essenze e frutta in città.
  • Ripensare la mobilità attraverso l’uso di biciclette normali ed elettriche, con la realizzazione di piste ciclabili estese.
  • Incentivazione di micro fattorie per la produzione locale di cibo a km 0.
  • Gruppi di acquisto
  • Incremento di fonti di produzione energetica rinnovabili
  • Corsi di educazione alla vita civica e al consumo “intelligente”
  • Sensibilizzazione ai limiti del modello di sviluppo attuale e costruzione di un immaginario alternativo sul modello di crescita e sviluppo delle città.

Questo elenco è solo un esempio di tutto ciò che una comunità può fare per attivare il cambiamento dal basso che porta con sé nell’immediato benessere sia all’ambiente ma soprattutto alle persone che scoprono che una miglior vita di relazione e un miglior rapporto tra persone e ambiente giova a tutti e cambia le coordinate del vivere sociale oltre che la geografia dei luoghi che abitiamo che di colpo si animano;  poiché un’aiuola non è più un’aiuola ma un luogo di collaborazione per far crescere il rosmarino o i lamponi e questo fa molto meglio alle persone di molti sonniferi e antidepressivi.

Salvini e i Rom

Da Berlusconi a Renzi a Salvini, ma cosa abbiamo fatto di male per meritarci tutto questo?

Salvini in questi giorni sembra un bambino che ha ricevuto un regalo più bello di quello che si aspettava. E’ spumeggiante, galvanizzato, eccitato per il nuovo gioco (ruolo) che si ritrova tra le mani. E che fa? Si scaglia contro il piccolo frammento più fragile della società italiana: i Rom, 0,23% della popolazione italiana.

Pensavo cominciasse il suo mandato da mafiosi, ‘ndranghetisti infiltrati nelle amministrazioni del nord, evasori incalliti, parassiti della pubblica amministrazione, fannulloni delle partecipate, evasori delle grandi aziende che con la loro furberia non pagano tasse all’erario. E invece no. Il neo ministro Matteo se la prende con i più deboli. Verrebbe da chiedersi – e nell’aria già risuona – se fare i gradassi con i più deboli non sembri più un gesto da bulli che da statisti?
I Rom un tempo erano una popolazione gioiosa, quando arrivarono in Italia intorno al 1470. Nomadi, artisti, artigiani, ballerini, allevatori di cavalli e addomesticatori di orsi. Un popolo tranquillo che si posizionava nelle periferie della provincia Italiana per portare una ventata di leggerezza, spettacoli e prodotti di artigianato (erano spesso abili nel lavorare il rame).

Oggi vivono in campi spesso degradati. La domanda allora da porsi è: sono loro che amano il degrado, oppure la società è cambiata e oggi rifiuta quello che ieri accettava di buon grado, quando erano invitati a fare spettacoli o a vendere i loro beni o a mostrare le loro arti? Va da sé che è la società che è mutata e potendo fare a meno di loro li ha abbandonati al degrado, loro che non sanno essere moderni, tecnologici, “civili” come lo siamo diventati noi. Loro che non tutti vogliono case di muratura, un lavoro fisso e integrazione come noi la concepiamo. Loro sono nomadi e vogliono vivere in modo diverso. Allora mi verrebbe da dire al sig. neo ministro degli interni: “vai a parlare con i capi del loro popolo e cerca di capire che cosa vogliono per uscire dal degrado e poter vivere come vogliono senza dover strisciare nella melma dei campi nelle periferie”. Forse porta meno facili voti ma c’è il rischio che si possa mettere sul tavolo un piano per sanare il degrado e offrire loro spazi, aree, infrastrutture per salvaguardare la loro identità e stile di vita, senza ricorrere a tristi pratiche di schedature. Il nuovo gioco Salvini, devi imparare ad usarlo, perché ora sei grandicello e non si può scherzare con la vita delle persone e se a qualche testa calda gli viene in mente di seguirti e fare gesti inconsulti contro i Rom, tu ne saresti responsabile. Pensaci neo ministro degli interni!

La finanza e Renzi, i due protagonisti

A volte la storia sbanda e mostra le sue fattezze più intime, quelle belle e quelle più inquietanti. Ieri è stata una giornata dove alcune verità si sono disvelate con forza e virulenza tali da lasciare tutti senza parole.

Fintanto che si parla di finanziarizzazione del capitalismo, sono parole che risuonano talmente tante volte pronunciate da perdere il loro significato. Ma quando il presidente della Repubblica italiana agisce la paura che i mercati si “divorino” i nostri risparmi, allora capiamo chi decide veramente le cose: la finanza. Non l’economia, non le imprese, non la politica, neppure l’Europa bensì gli speculatori, le banche d’affari, le società di intermediazione mobiliare, i fondi pensione, i broker, i soggetti che operano liberi in borsa per capitalizzare, per guadagnare, per fare profitti dallo spostamento di ricchezza e non dalla creazione di valore aggiunto. Sono loro i veri protagonisti del potere e ieri lo abbiamo visto in modo forte e chiaro.

Global Exchange

Mattarella ha agito nelle sue prerogative, ma ha agito spinto dalla paura che i “mercati” si liberassero del nostro pesante debito pubblico dovendo alzare il prezzo del rischio delle nuove emissioni dei titoli di stato, facendo fuggire investitori e risparmiatori dal bel paese.

Nessuno sa se la sua paura fosse fondata e nessuno sa neanche se il leader della Lega ha forzato la mano per poter andare alle elezioni capitalizzando il risultato svuotando il bacino di elettori berlusconiani e anche parte dei 5 stelle.

Ma un responsabile di tutto questo c’è e ha un nome e cognome: Matteo Renzi che ha agito in due mosse questa catastrofe. Primo, ha dato vita alla peggior legge elettorale con l’intenzione di fare l’accordo con Berlusconi e tagliare fuori Lega e 5 stelle. Gli italiani se ne sono accorti ed è rimasto tagliato fuori lui. Secondo, è entrato a gamba tesa sull’ordito che vedeva il PD di Martina cercare un accordo per far partire un governo 5 stelle con il possibile controllo da parte del PD per fare in modo che non ci fosse una deriva populista estrema alleandosi con la Lega. Il combinato disposto di queste due mosse da grande statista ci ha fatto finire in questo “cul de sac” che risulta pericoloso e dagli esiti incerti.

Sottoscrivo le parole della vedova d’Antona che ha detto chiaramente che Renzi è entrato in casa nostra, ha sfasciato il mobilio e ora siede con i piedi sul tavolo in salotto mangiando pop corn, ma cosa aspettiamo a cacciarlo via? Appunto, poiché lui da solo non se ne va, proviamo a chiedergli noi di andarsene….. lontano!

Dov’è la sinistra?

Il PD renziano se ne assumerà la responsabilità di aver lasciato che il movimento 5 stelle andasse alla deriva verso l’inquietante destra salviniana. L’arroganza di Matteo Renzi porta con sé, non solo il suo tracollo ma ha seppellito quel che di buono c’era nella tradizione social-democratica italiana, lasciandoci con il pericolo di un governo dalle mille incognite. L’umiltà del PD si sarebbe dovuta manifestare nel fare da argine e contenere gli istinti
populisti combinati dei 5 stelle e della Lega ma Renzi non conosce l’umiltà, non riconosce la sua sconfitta che dura da lustri e continua nell’opera di distruzione e scarnificazione dei valori della sinistra in Italia. Renzi e il suo PD – fatto di molti “yes man” – non ce la fa a riflette sul proprio disastro, non sa fare auto-critica, e rischia di sprofondare  nell’insignificanza politica mentre il il condannato in via definitiva  di Arcore riprende il passo dettando le regole e distribuendo le carte. Un panorama desolante e sconcertante. Proviamo a chieder conto di cosa vuol dire essere di sinistra:

!

– La disuguaglianza di reddito è cresciuta negli ultimi anni: dov’è la sinistra?
– L’Italia non ha un piano energetico, un piano industriale, non sa dove andare, che vocazione avere, dove concentrare le proprie energie e risorse nel prossimo futuro di medio termine: dov’è la sinistra?
– I giovani sono sottopagati e sfruttati in piccoli lavori precari: dov’è la sinistra?
– Le banche vengono salvate mentre i risparmiatori truffati dall’avidità perdono i loro risparmi: dov’è la sinistra?
– Turchia e Spagna incrementano le quota di turismo mentre il “bel paese” fatica pur avendo risorse  infinite in termini di cultura, storia, ambiente e bellezze naturali: dov’è la sinistra?
– Le grandi imprese inquinano, non si vedono normative adeguate quando la pianura Padana sforna morti come da nessuna altra parte per inquinamento eccessivo: dov’è la sinistra?
– I paesi del nord Europa fanno politiche per la sostituzione delle fonti fossili per la produzione di energia ed elaborano piani di mobilità sostenibile nelle città: dov’è la sinistra?
– La nostra agricoltura fa ancora ampio uso di pesticidi e di chimica nel suo ciclo produttivo quando l’agro-ecologia è già una realtà operante e produttiva: dov’è la sinistra?- Le “città di transizione” sono 1500 nel mondo e tantissime in Europa mentre in Italia ce n’è una sola e stenta a svilupparsi: dov’è la sinistra?
Il fallimento del PD sta proprio nell’aver tradito i suoi valori fondamentali e con loro il suo popolo, seguendo la seduzione del liberismo e del mercato, fino ad essersi smarrito sul cammino. Chi tocca i fili muore, chi abbraccia il liberismo ne rimane ferito, si tratta quindi di cambiare rotta in modo radicale, ma per far questo il PD deve cambiare la propria classe dirigente berlusconizzata.

Auguri!

Il caso (umano) Renzi

Più che ad un politologo o ad un filosofo della storia, il caso di Matteo Renzi andrebbe sottoposto ad uno psicologo delle personalità narcisiste.

Il caso che definirei “umano” del senatore Renzi, rappresenta una farsa della politica italiana, forse un personaggio della commedia dell’arte, da affiancarsi al governatore della Campania, il terrificante Vincenzo De Luca.Renzi de luca

Renzi è riuscito a fallire quasi tutto quello che ha tentato di fare, al netto dell’elemosina degli 80 euro e di alcuni provvedimenti sui diritti civili. Per il resto, il suo più grande risultato è stata la rottamazione di se stesso e ora del partito democratico. Con pochi anni di potere ha distrutto una tradizione che per quanto zoppicante, rappresentava ancora un ancoraggio ai valori di una socialdemocrazia che poteva rappresentare un asse di riferimento in un Italia spazzata da populismi, radicalismi e fascismi crescenti ai tempi della più profonda crisi economica. Invece il monello Renzi è riuscito a massacrare tale tradizione portando il PD nel gorgo dell’insofferenza che ha spinto gli elettori a scappare verso il movimento 5S e verso la Lega. Ma non contento del disastro sta sottocoperta con il megafono nelle mani menando fendenti e dettando la linea ai suoi luogotenenti come fosse il capitano della nave imbracciando veti e contando i numeri delle sue armate. Un gioco infantile sulle spalle di una tradizione politica e soprattutto sulle spalle degli italiani. Il caso umano Renzi avrebbe dovuto essere disarcionato da tempo ma la forza della nevrosi è potente e neanche gli uomini del partito riescono a scrostarlo dal suo gioco al massacro.

Questa classe dirigente del PD ha fallito e con lui i suoi uomini e rappresentanti che ora si ostinano a voler restare sotto i riflettori. La sinistra in Europa deve ripensare se stessa ma in Italia dovrebbe dimettersi in blocco e lasciare lo spazio a persone nuove, idee nuove che abbiamo un pensiero di medio-lungo termine, in grado di avere una visione della società e ripensare l’economia.Sandinavia

Tra investimenti per la sostenibilità, investimenti in tecnologie avanzate, sviluppo del turismo, della cultura, nel ruolo della piccola e media impresa che si converte con procedure di green-economy, la lotta alla povertà finanziata con la cronica evasione recuperata, un ruolo in Europa per rivedere i trattati, legislazione ambientale, mobilità sostenibile e compagnia cantante, di strada da fare ce n’è tanta e anche affascinante ed entusiasmante. Ma fino a quando questi piccoli uomini narcisi aggrappati al loro piccolo potere non se andranno a fare altro, difficile immaginare che l’Italia possa assomigliare adun paese come quelli della scandinavia che dimostrano che molte cose si possono fare. Perché attendere i forconi oppure derive autoritarie?